LA PATRIA

La federazione cinologica internazionale,lo definisce dal 1960 Franco-Belga.Furono effettivamente degli allevatori belgi a permettergli di non scomparire negli anni Venti e Trenta, così come ha dimostrato la signora Nizet de Leemans, giudice internazionale.La Francia rappresentò in seguito in Europa continentale, il paese con il maggior numero di soggetti.Tuttavia, in passato,veniva spesso associato alla corte di Spagna.Fu anche noto (e talora viene ancora chiamato così) col nome di Bichon di Tenerife (una delle isole delle Canarie).Le Canarie (il cui nome evoca la specie canina) sono forse state la culla originaria del Bichon frisé,da cui poi esso ha conquistato l'Europa, attraverso la Spagna?

Oppure il riferimento all'isola é stato inserito nel suo nome a posteriore per fare "pendant" coi bichon di Malta e di Cuba?

La scarsa documentazione disponibile sulla razza non permette alcuna soluzione definitiva.

Viene tuttavia generalmente ammesso, che fu proprio nel corso dell'occupazione spagnola delle Fiandre, che il Bichon frisé si diffuse in Belgio.

Veniamo dunque rimandati a un'origine spagnola.

I cinologi e gli autori iberici, non dispongono di alcuna prova certa che lo ricolleghi al loro passato, sembrano averlo dimenticato.In ogni caso, oggi il bichon frisé é molto raro sul suolo spagnolo.

 

back